Festa della Mamma a Leolandia, perché il gioco fa parte del mio essere madre




[in collaborazione con Leolandia]

“Non si smette di giocare perché s’invecchia, ma s’invecchia perché si smette di giocare”. Così diceva George Bernard Show e siccome io i capelli grigi – anzi silver così sono più alla moda – già li ho, spero di non invecchiare male, continuando a divertirmi. Il gioco è una componente importante del mio modo di essere mamma, perché penso che sia fondamentale continuare a rendere la vita più colorata e più divertente anche quando si cresce e purtroppo si perde un po’ di magia. Per questo quando Leolandia mi ha invitato alla Festa della Mamma per un Blogtour ho accettato molto volentieri. Continua a leggere…

Depressione post partum e infanticidio: che legame c’è?




Questi sono giorni molto tristi visto che sto leggendo di tutto sulla ragazza di Trieste che ha partorito e affidato a morte certa la sua bambina. Il tema dell’infanticidio è sempre molto complesso e non essendo un clinico non posso certamente dare delle motivazioni psicologiche sul perché si sceglie di compiere certi gesti. Quello che so è che in questi fatti di cronaca i giornalisti spesso scrivono senza aver alcuna preparazione sull’argomento, scegliendo termini e raccontando i fatti con una superficialità spesso fatale. Per esempio chi soffre di depressione post partum non è che compie dei gesti estremi verso i propri figli, anzi quasi mai. A dirlo non io ma i dati emersi dall‘inchiesta scritta da me e Paola Maraone sulla DPP uscita su Gioia! lo scorso anno: “i figlicidi in Italia sono una ventina all’anno, le madri depresse 50.000 – ma di depressione madri (e figli) comunque soffrono”. Continua a leggere…

“Tanto tu sei forte”: Eugenio Montale, la fede e l’aborto

Ho tanta fede in me
e l’hai riaccesa tu senza volerlo
senza saperlo perché in ogni rottame
della vita di qui è un trabocchetto
di cui nulla sappiamo ed era forse
in attesa di noi spersi e incapaci
di dargli un senso.

Ho tanta fede che mi brucia; certo
chi mi vedrà dirà è un uomo di cenere
senz’accorgersi ch’era una rinascita.




Queste sono alcune delle strofe di Ho tanta fede in te, una poesia di Eugenio Montale, maestro delle parole che non avevo mai considerato un gran che a scuola ma che ho riscoperto oggi che di anni ne ho quasi 35. Mi piace l’idea che nessuno si accorga che dalle ceneri in realtà non ci sia la fine, ma un nuovo inizio. E’ quello che ho provato io dopo aver toccato il fondo con la depressione post partum e che sto cercando di fare ora a seguito dell’aborto, anche se per ora con scarsi risultati.

Continua a leggere…

Fleur Indi di “16 Anni Incinta”: “Jamal mi ha fatto scoprire me stessa”




Dopo Marta e Sara, oggi è il turno della storia di Fleur Indi, una delle ragazze della prima stagione di “16 Anni Incinta – Italia”. Le sono particolarmente affezionata perché il suo piccolo Jamal ha solo due giorni di differenza con Paola e questo me l’ha fatta sentire sempre vicina. Finite le riprese, la vita le ha riservato alcune brutte sorprese, ma questa ragazza – nonostante abbia poco più di 20 anni – ha una forza straordinaria e anche io – che di anni ne ho quasi 35  – dovrei imparare da lei. Ecco cosa ha raccontato.

Continua a leggere…

Su Frida Kahlo e l’aborto. Perché non si deve fare finta di dimenticare




“Se vuoi non vengo. Mi basta inventare la scusa del mal di testa e nessuno si domanderà perché non ci sono”. Questo è il messaggio che ho ricevuto da una delle mie più care amiche per la festa di Paola. E’ incinta e sa che ultimamente vedere pance in giro non mi fa sentire proprio tranquilla. Credo che dimostri la sua sensibilità e anche purtroppo la mia ancora poca dimestichezza con l’argomento. Continua a leggere…

E sono 4.

Questa è una foto a cui tengo molto. Perché rappresenta quello che è stato il nostro percorso fino a qui. Un’immagine di tenerezza, ma di una tenerezza sfocata, perché ti stringevo e non sapevo niente. In quei giorni di ritorno dall’ospedale stavo spesso in camicia da notte e vagavo per le stanze cercando di capire che cosa mi fosse successo. Ti vedevo lì, nella tua carrozzina a dormire con le braccine alzate, beata. E io mi domandavo come tutto fosse così uguale e tutto coì diverso.

Per fortuna il peggio è passato. La terapia e il tempo sono stati dalla nostra parte e oggi, cara Paola, compi 4 anni. Non voglio aggiungere altro. Perché sei straordinaria e devo solo dirti grazie. Grazie per il sole che hai portato con te. E grazie perché sono sicura che sei tu la mia insegnante, la mia guida, non il contrario.

Sei bella, di una bellezza che non ha definizione, né tempo: è solo il frutto di quella cosa straordinaria quanto inspiegabile che si chiama amore.

Buon quarto compleanno,

la tua mamma

Oggi è la Giornata Mondiale contro la depressione. Perché scelgo di vivere ogni giorno.

Oggi, 7 aprile, è la Giornata Mondiale contro la depressione. Io e Barbara Damiano abbiamo deciso un mese fa di parlare delle nostre storie per testimoniare che la vita – anche quando davvero sei al limite delle forze e sei esausto – in qualche modo di sorprende sempre. E non sono solo parole: è la verità. Se fossimo in un film ad un certo punto ci troveremmo di fronte al punto di svolta, quello che ti fa decidere se prendere una decisione piuttosto che un’altra, oppure interverrebbe qualcosa – una persona, un evento scatenante o una particolare situazione – capace di invertire la rotta. Per noi è successo, non è impossibile. Si può. Questa è la mia testimonianza raccontata sotto forma di lettera alla me stessa di quasi 15 anni fa: una me stessa che si amava poco o nulla e che faceva perennemente finta. A lei va tutto il mio affetto: non sono stati anni facili, ma è ancora qui ed è stata più forte. Nonostante tutto.

Continua a leggere…

Elisa Liberatori Finocchiaro: “Il cesareo può essere anche bello, come il mio”




Oggi un’intervista che avevo voglia di fare da tempo e il destino ci ha messo lo zampino. Elisa Liberatori Finocchiaro è una blogger che ha scritto un articolo molto interessante sul cesareo e sul fatto che spesso il mondo della maternità – in questo caso il parto – sia disseminato di ideologie. Io di cesarei ne ho avuti due e devo dire che concordo in pieno con ciò che ha scritto. Ecco quindi cosa ha raccontato a post-partum.it. Continua a leggere…

Associazione SinergicaMente: dalla parte delle mamme




Un’intervista alla quale tengo molto e che non avevo ancora pubblicato. Il progetto Gemma dell’Associazione SinergicaMente per me è uno dei più belli e concreti che esistano per le mamme. Ho chiesto che cos’è e come si struttura a Patrizia De Lio,  protagonista di una delle storie che si trovano su post-partum.it. Ecco quello che ha raccontato. Continua a leggere…